October 2018
M T W T F S S
« Dec    
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031  

Categorie

Archivi

I 150 anni dell’Italia incompiuta

Non so se ve ne siete resi conto, ma sono tre mesi che non scrivo sul blog. Molte volte ho avuto motivo di pensare che fosse arrivato il momento di farlo perchè quello che sta succedendo in politica negli ultimi mesi è sufficientemente sconvolgente da dare tanti e tanti (e tanti) argomenti per decine di post probabilmente.

Ma poi mi ritrovo a imprecare contro Berlusconi e tutti gli italiani che gli consentono di fare il monarca con la loro poca voglia di democrazia, alimentata dalla solita ignoranza pragmatica, molto tipica di alcune zone dell’Italia, che tutti ben conosciamo (la stessa che vuole lavorare il 17 marzo invece di festeggiare un’unità dell’Italia, che non c’è mai stata e che non ci tengono ad avere) e possiamo anche evitare di nominare per non far torto a tutti quelli che pur vivendo nelle medesime zone riescono a mantenersi saldi nei principi costituzionali di questa nazione. Di riflesso troviamo la poca voglia di democrazia alimentata in questo caso dall’ignoranza clientelare di tal altre zone di Italia, che consente sempre a Berlusconi ed alla sua corte di fare ciò che più gli aggrada in barba alla legge ed anche alla decenza che sarebbe consona alla posizione che ricopre. Anche in questo caso preferisco rimanere geograficamente vaga.

(Vedete, impreco! cvd)

Si riuscirà finalmente a processarlo e salvare l’Italia, ridotta ad una latrina di cortigiane e ruffiani papponi? Non dico condannarlo, perchè lì ci penserà il processo ed i giudici a deciderne l’esito, ma almeno a farlo arrivare a processo, dopo 17 anni di prescrizioni e reati che non sono più reati e tante parole inutili gettate al vento su giudici comunisti, magistratura di sinistra, toghe rosse e giornali comunisti, stampa di sinistra, eversori vari ed eventuali ed il declino giorno dopo giorno della nostra nazione.

Declino a livello di prestigio internazionale (siamo stati tra i promotori dell’aggregazione europea nel lontano 1951 e qualche mese fa si discuteva in Europa se fosse il caso di considerare una nostra fuoriuscita temporanea dall’UE), a livello economico (siamo nel G7 da sempre, ma ora abbiamo indici economici peggiori di alcune nazioni dell’Est Europa appena entrate nell’UE e la Germania ha avanzato qualche tempo fa l’ipotesi che non siamo più all’altezza di essere tra le grandi economie del mondo) e sociale (basta aprire qualsiasi giornale per capire che società senza futuro abbiamo costruito, soprattutto per i giovani, con indici della cultura media e dei servizi al cittadino sotto i livelli di alcuni Stati africani).

Ora so bene quanto voi che non c’è il rischio concreto di uscire dall’UE o dal G7, ma che gli Stati esteri si sentano in condizione anche solo di dirlo apertamente, è indice di quanto poco ci considerino perchè si sentono ad un livello superiore al nostro, economico, sociale e morale e, da quello che posso vedere sui giornali internazionali, non è che abbiano tanto torto. In quale altra democrazia occidentale si sarebbe potuto assistere allo spettacolo squallido che sta dando il nostro Premier da mesi? Vomito…

Stampa Estera sull’argomento

Condividi:
  • Blogosphere News
  • del.icio.us
  • Facebook
  • LinkedIn
  • Google Bookmarks
  • Live

Lascia un commento

Puoi usare questi tags HTML

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>