August 2018
M T W T F S S
« Dec    
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031  

Categorie

Archivi

I prezzi delle case calano

Finalmente i prezzi delle case in vendita (meno per gli affitti) calano anche in Italia. Dopo il crollo qualche mese fa in America, con situazioni paradossali di case che valgono quanto carta straccia,
come i titoli tossici che hanno generato prima l’incremento e poi il collasso del mercato immobiliare e finanziario globale. Nella zona di Detroit alcuni immobili valgono appena poche centinaia di dollari al metro quadro!!! E nessuno li vuole comunque, anche per l’inutilità di una casa nel bel mezzo del nulla della Mecca dell’automobile durante il fallimento di GM, che da decenni popolava la zona con i suoi operai.

Dopo gli USA, in Europa, il primo Stato a soffrire la crisi dell’immobile è stata la Spagna, con un crollo non solo dei prezzi, ma anche e soprattutto delle contrattazioni. Ben il 30% dell’economia spagnola è basato direttamente o indirettamente sull’edilizia. Questo dato è più che sufficiente a spiegare le ripercussioni che la crisi sta avendo nel mercato del lavoro.

Ed ora finalmente abbiamo i primi dati anche in Italia. Negli ultimi mesi possiamo dire che i prezzi di vendita sono calati, ma di poco rispetto a queste due realtà precedenti. Quello che però è aumentato è la forbice tra il prezzo richiesto, che sembra molto poco anaelastico rispetto alla stagnazione della richiesta di immobili, e quello che effettivamente alla fine si va a pagare. Le agenzie immobiliari provano cioè a tenere alti i prezzi, ma quando alla fine si trovano ad avere pochi richiedenti e tutti con una gran voglia di spendere poco, sono molto più disponibili di 6 mesi fa o di un anno fa, a concedere sconti.

E questa tendenza è molto più evidente nei centri medi e piccoli, dove non ci sono anche i grandi interessi dei costruttori a cercare di tenere i prezzi su. A Roma, un esempio per tutti, regno dei famosi palazzinari, i prezzi calano più lentamente rispetto alla provincia o ai piccoli centri del Lazio.

Condividi:
  • Blogosphere News
  • del.icio.us
  • Facebook
  • LinkedIn
  • Google Bookmarks
  • Live

5 commenti a I prezzi delle case calano

  1. Fabio
    April 20th, 2009 at 14:45

    Se ti può interessare qui a Dublino i prezzi sono in caduta libera.
    Causa la crisi, moltissimi stanno partendo e le case restano sfitte. Il risultato è un abbassamento del 20 - 30% rispetto ad un anno fa. Ad esempio il mio affito è stato scontato di 200 euro/mese e tra poco chiederò un altro abbassamento!
    Anche i prezzi per gli acquisti sono calati parecchio ma quelli non sarei in grado di quantificarli.
    Ciao!

  2. Alice
    April 20th, 2009 at 20:32

    Caspita! Ma è una percentuale altissima!!! :o
    Non è un buon segnale per l’economia, soprattutto se è un calo generalizzato dei prezzi come dici.
    Ed io che pensavo di spostarmi verso nord Europa perché il mercato del lavoro qui a Roma, mi sembra troppo statico! :?
    Se si tratta di deflazione, per un calo dei consumi, mi sa che conviene aspettare qualche mese prima di muovermi, per vedere l’evoluzione della situazione nei due mercati.
    Qui in Italia, direi, che la crisi si sente, ma così a naso forse la situazione nei consumi è migliore…
    Tu, invece, pensi di restare a Dublino?

  3. Fabio
    April 21st, 2009 at 1:45

    Ciao Alice,
    io per il momento non ho motivo di tornare in Italia, finché ho un lavoro non mi passa neanche per la testa.
    Qualora perdessi il lavoro potrei pensare di andare altrove, ma tornare nel medioevo italiano proprio non mi va. Scusami se uso un’espressione così forte ma dato come sono stato trattato sul lavoro in Italia ho motivo di usarla.
    Ormai ho imparato bene l’Inglese, potrei andare più o meno ovunque, certo l’Ighilterra non è messa bene e gli USA non sono mai stati un posto facile in cui andare a vivere. Forse l’Australia potrebbe rappresentare una possibilità, non so.
    Cmq per il momento resto qui.
    Spostarti verso nord non sarebbe una cattiva idea, anche perché finché si sta a casa non si capisce quanto è grande e quanto è bello il mondo.
    Se hai una buona specializzazione trovi lavoro ovunque, la crisi non ti tocca.

  4. Alice
    April 21st, 2009 at 8:20

    Non preoccuparti per l’espressione forte sul medioevo italiano, mi trovi d’accordo! Il mio desiderio di spostamento verso nord non era dovuto alla crisi, ma proprio alla volontà di scoprire come si vive in un altro Stato europeo che credo più civile. :mrgreen:

  5. Fabio
    April 21st, 2009 at 15:20

    Bhé allora ti auguro buon viaggio!
    Se ti verrà voglia di venire su questa verde isola e ti serve qualche dritta fammi sapere.
    In bocca al lupo!

Lascia un commento

Puoi usare questi tags HTML

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>