August 2017
M T W T F S S
« Dec    
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031  

Categorie

Archivi

Tablet Pipo U1 7′ su shopngo.it

Dopo mesi (anni, lustri? :D ) di inattività ritorno a parlare di tecnologia perché questa proprio non posso tenerla per me, ma devo divulgarla perché le vicissitudini della mia prima, e quasi sicuramente ultima, esperienza con un tablet cinese (acquistato da un venditore cinese con sito in Italia) possano essere utile al prossimo.

Oramai 9 mesi fa (settembre 2012) decido di comprare un tablet perché per lavoro ho la necessità di spostarmi regolarmente in treno due o tre volte la settimana. Viaggetto discreto da 1h25′ (che con la regolarità nei ritardi delle Ferrovie Italiane diventa tranquillamente di 1h40′) a/r, quindi 3 ore della mia vita al giorno perse in treno, che avevo deciso di trasformare in momenti utili per leggere, giocare, navigare e all’occorrenza lavorare.

Il mio netbook che avrei potuto portare con me, suppur piccolo e leggero, occupava troppo spazio, allora inizio a guardare i vari tablet sul mercato e dato che lo avrei usato principalmente per leggere, ho optato per un 7 pollici con risoluzione alta.

Tra le alternative che c’erano ai tempi, con una risoluzione sufficientemente buona da non stancare la vista e dalle prestazioni discrete, la maggior parte dei nomi noti costava comunque dai 200€ in su, ed ero determinata a spendere di meno.

Così la scelta si orientò verso marche cinesi, vendute su siti vari ed eventuali (in Italia e all’estero) che da 59€ in su proponevano dispositivi discreti. In dettaglio decido di non rimanere nella fascia bassa, ma scelgo un tablet di cui tutte le recensioni parlavano benissimo, con delle prestazioni paragonabili al Nexus 7, ma con risoluzione maggiore, a 149€ ai tempi: il PIPO U1.

Qui la scheda tecnica sul sito del produttore

http://www.pipo.com.cn/product.php?id=99

e su quello del venditore

http://www.shopngo.it/pipo-u1-rk3066-7-pollici-capacitivo-ips-android-41-16gb-nand-1gb-ddr3-jelly-bean-bluetooth-p-447.html

Le prestazioni sono davvero buone (per quel poco che l’ho usato), peccato che appena arrivato ad ottobre non si accendesse. E qui è iniziata un’odissea di e-mail con il venditore, che sta in Cina, che mi ha portato a spendere circa 20€ per rispedirlo indietro (quindi a mie spese pur non essendo funzionante all’arrivo) e a non avere il mio tablet per mesi.

Avrò scambiato con loro circa una trentina di e-mail, che vi sembrano tante perché ancora non sapete che un oggetto acquistato a fine settembre, arrivato ad ottobre, rispedito in Cina dopo pochi giorni ed arrivato di là dopo oltre due settimane, è ritornato dalla sua legittima proprietaria funzionante solo a fine gennaio 2013! Praticamente obsoleto ai ritmi attuali del mercato dei tablet…  8-O

E tutto ciò (sembra) per colpa del produttore, a cui il venditore aveva rispedito a sua volta il tablet, che se l’è tenuto per oltre 2 mesi in laboratorio per un problema alla batteria. Tra l’altro ho scritto anche al produttore, dopo che il venditore continuava a rispondere alle mie e-mail con vaghe motivazioni all’inizio, con scaricabarile a manetta in seguito e con un po’ di fastidio verso gli ultimi giorni, anche perché le mie e-mail, dopo mesi, non erano certo più cordiali, ricordando spesso che vendendo in Europa dovrebbero quanto meno avvicinarsi vagamente ai nostri tempi di consegna/riconsegna dei prodotti ed organizzare una pseudo-assistenza al cliente. Loro almeno rispondevano comunque (coi loro tempi), dal produttore il nulla più totale.

So già che alcuni penseranno che potevo risparmiarmi tutto il fastidio acquistando un tablet da altri venditori o di altri produttori o almeno uno presente fisicamente su territorio italiano, ma che volete che vi dica? Ho rischiato perché tutto sommato l’obiettivo principale era avere qualcosa per passare il tempo in treno spendendo poco e mi è andata decisamente male, soprattutto perché questa mattina, dopo neanche 5 mesi dalla prima accensione, il tablet presenta lo stesso problema dell’arrivo ad ottobre scorso: schermata iniziale per qualche frazione di secondo e poi buio.

Lo venderò su ebay (come non funzionante). :D

AGGIORNAMENTO (20/06/2013): Per togliermi il dubbio che non fosse un problema di batteria completamente scarica ho collegato il tablet alla corrente elettrica (come consigliano all’acquisto per la prima carica) e dopo un quarto d’ora è resuscitato. Se il problema non si ripresenta nei prossimi giorni, posso concludere che la potenza delle porte USB del mio portatile non è sufficiente per caricare la batteria da zero.

Condividi:
  • Blogosphere News
  • del.icio.us
  • Facebook
  • LinkedIn
  • Google Bookmarks
  • Live

1 commento a Tablet Pipo U1 7′ su shopngo.it

  1. dissertation writing help
    July 17th, 2016 at 21:41

    Hi there, of course this article is genuinely fastidious and I have learned lot of things from it about blogging.
    thanks.

Lascia un commento

Puoi usare questi tags HTML

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>